Enzo Liguori, Primario di chirurgia vascolare

Prof. Enzo Liguori, Primario di chirurgia vascolare

Medico Specialista in Angiologia

Perchè è consigliata la visita angiologica?

In pazienti dai 50 anni in su, anche in assenza di sintomi evidenti, la visita angiologica serve per attuare un programma di prevenzione associato spesso ad esami del sangue e strumentali. Viene prescritta quando è necessario diagnosticare e curare patologia del circolo venoso o arterioso(superficiale e/o profondo). Le patologie possono essere lievi come ad esempio varici superficiali degli arti inferiori o più importanti quali patologia già manifeste o sospette quali aneurisma, embolia, aterosclerosi, trombosi, dissecazione dell’aorta, ictus. I soggetti che, in particolare, dovrebbero effettuare una visita angiologica sono coloro che soffrono di ipertensione arteriosa, hanno alterazioni dei livelli di colesterolo, soffrono di diabete, hanno varici o ulcere cutanee, hanno familiarità per ictus e ischemie cardiache.

Perchè la visita angiologica dal chirurgo vascolare?

Visita angiologica e di chirurgia vascolare per terapia e cura ambulatoriale delle malattie delle arterie e vene. In particolare terapia sclerosante delle teleangectasie degli arti inferiori (capillari) che sono segno di una insufficienza venosa cronica e determinano vistosi inestetismi specie nelle donne.
Si tratta di terapia ambulatoriale in più sedute da effettuare nel periodo invernale. Non necessita di particolari analisi tranne consenso informato al trattamento e la necessità di indossare calza elastica il giorno del trattamento.

Come si svolge la visita angiologica?

L’angiologo effettua una anamnesi analizzando storia clinica del paziente per individuare fattori di rischio (stile di vita, familiarità per diabete, ipertensione,fumo, colesterolo ecc.),controlla le terapie farmacologiche in corso e la presenza di sintomi caratteristici di patologia che potrebbero non essere evidenti per il soggetto.
Lo specialista attua poi l’esame fisico mirato al problema per cui il paziente ha richiesto la visita o, se si tratta di visita di prevenzione, effettua l'esame fisico  mediante la palpazione delle sedi vascolari accessibili, l’osservazione di  distretti corporei per evidenziare varici o zone di anomalie superficiali evidenti. Infineproporrà una diagnosi che potrà essere completata da esami strumentali o di laboratorio.

Prestazioni correlate:

di regola un ecocolordoppler è necessario per valutare lo stato delle vene profondo prima di affrontare il ciclo di terapia sclerosante. Inoltre, l'ecocolordoppler è fondamentale per la valutazione delle arterie degli arti inferiori e specie delle carotidi che portano il sangue al cervello e possono causare ictus invalidante se non mortale.

Descrizione dello specialista

Brig. Gen. medico (r) e già primario chirurgo vascolare al Policlinico Militare Celio di Roma.
Dal 1983 dopo aver partecipato in qualità di aiuto chirurgo alla missione di pace in Libano ha iniziato il servizio al Ospedale Militare di Roma con l’incarico di assistente al reparto chirurgia.
Nel 1988 ha istituito il servizio di chirurgia vascolare e dal 1993 ha diretto il Reparto di Chirurgia Vascolare fino all’ottobre 2004 e successivamente fino al 16 giugno 2008 ha rivestito l’incarico di Direttore della 2 Divisione Tecnica della Direzione Generale di Sanità Militare.
Missioni estere Libano (1983) , Somali (1993) Kossovo (2000) Iraq (2004)
Ha conseguito l’idoneità nazionale a Primario di Chirurgia Vascolare.
Come settore di studio collaterale alla propria specialità ha collaborato nella attività di recupero del sangue intraoperatorio ed ha condotto studi sul sangue artificiale  e sugli agenti emostatici di pronto impiego nelle emergenze. Ha contribuito alla realizzazione della dotazione sanitaria individuale per i militari impiegati in missioni e dei nuovi zaini sanitari di emergenza per personale infermieristico e medico.
Ha realizzato il disegno formativo e le linee di azione della nuova figura del soccorritore militare in coordinamento con il Ministero della Salute.
Ha rivestito l’incarico di delegato nazionale del Capo di SMD nei seguenti fora:
Chairman dell’Emergency Medicine Expert Panel della NATO
Military Medical Steering Group della NATO
Military Interoperabily Council
Chairman del settore sanitario italiano nella “iniziativa 5+5” con i Paesi del Mediterraneo
In pensione dal 2012 continua la propria attività professionale di chirurgo vascolare presso cliniche private e studi professionali.

Analisi cliniche + visita specialistica a prezzi scontati, solo per acquisti online
 
 
RLAB propone pacchetti salute a tariffa agevolata
Analisi cliniche + visita specialistica a prezzi scontati, solo per acquisti online